top of page

Pinot Noir




Giusto qualche tempo fa ho assistito ad un seminario sul Pinot noir. La lezione si è tenuta in maniera magistrale spiegando, attraverso cartine e grafici, come il vitigno del pinot noir ben si adatti a determinate zone (una tra tutte, la più vocata, la Bourgogne) grazie alle sue peculiarità, come ad esempio la compattezza del grappolo, che mal sopporta le zone umide, e come il territorio faccia davvero la differenza tra "un gran vino" e "un vino". Il pinot noir infatti preferisce terreni in prevalenza calcarei. Tra le caratteristiche principali di questo vitigno ci sono alta acidità e basso tenore tannico. Una curiosità, infatti, che mi è rimasta impressa è che  si possono usare anche i raspi in vinificazione ( parte del grappolo che viene sempre scartata perché conferisce sensazioni sgradevoli al vino) a patto che la pianta abbia almeno 50 anni... curiosità poi seguita da una degustazione di alcuni vini vinificati con questa tecnica e devo essere sincera, molto interessanti. Una degna di menzione è stata sicuramente la degustazione di Barthenau - Vigna Sant'Urbano di Hofstatter 2015.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Il vermentino...

Oggi vi racconto di quella volta, (2019), quando con un paio di amici abbiamo deciso di organizzare una verticale di Sciala (Vermentino di Gallura Superiore DOCG) della cantina Surrau. Avevamo a dispo

Il servizio al calice...cosa dice la sommellerie

Quando in un locale chiediamo un vino al calice, cosa ci aspettiamo? Se il locale è affollato, i camerieri saranno sicuramente divisi tra mille ordinazioni. Ma il cliente, seppur esperto e ben allenat

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page